Installazione di isolamento in camera

isolamento termico

Isolare termicamente un edificio significa, in sostanza, ricorrere a materiali e tecnologie che riducono gli scambi di calore tra gli ambienti interni e l’esterno.  Un edificio ben isolato assicura una serie di vantaggi, a partire da un maggior comfort interno. Infatti, è proprio l’isolamento termico che permette di mitigare la temperatura interna, sia in inverno, che in estate.

Il secondo grandissimo vantaggio offerto dalla coibentazione, ormai noto a tutti, è indubbiamente quello del risparmio energetico. Isolando tutto l’involucro opaco e installando serramenti e infissi ad elevate prestazioni, le dispersioni di calore verso l’esterno vengono abbattute e, di conseguenza, la quantità di energia necessaria a riscaldare il volume interno dell’edificio si riduce altrettanto notevolmente.

Inoltre, la coibentazione interna permette di eliminare i ponti termici (punti critici con forte dispersione di calore per una resistenza termica quasi nulla) e quindi di risolvere problematiche molto diffuse di condensa ed umidità, dovute alla differenza di temperatura superficiale.

Esistono diverse tecniche e ci sono vari materiali e tipologie di pannelli isolanti, da utilizzare come isolante termico, per avere una casa ben coibentata e sono da valutare per ogni singolo progetto, sulla base delle caratteristiche dell’edificio, della zona climatica in cui esso si trova, di eventuali vincoli tecnici e della disponibilità economica.

L’isolamento termico di casa riguarda l’intero involucro opaco, quindi non solo le facciate, ma anche il tetto e i solai orizzontali a contatto con la terra o con l’esterno (nel caso, ad esempio, di un volume a sbalzo).

Progetto senza titolo (3).png
Progetto senza titolo (4).png

L’isolamento termico di un edificio può essere un intervento che, nel suo complesso, richiede un certo investimento.

Per ammortizzare la spesa, è possibile accedere a degli incentivi fiscali erogati in favore di chi esegue interventi per migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione. Fino a quest’anno la soluzione principale rappresentata dall’Ecobonus, che permetteva di recuperare fino al 65% delle spese sostenute in 10 rate annuali di uguale importo.

Con il Decreto Rilancio è stato introdotto un secondo strumento, ovvero il Superbonus 110%, applicabile solo ad alcune tipologie di intervento, tra cui l’isolamento termico dell’involucro.

Per accedere al Superbonus, che può essere goduto come detrazione fiscale, sconto in fattura o cessione del credito, è necessario rispettare alcuni requisiti. La coibentazione deve essere eseguita su almeno il 25% delle superfici opache (verticali, orizzontali e inclinate). Inoltre, l’isolamento della copertura è ammesso solo se questa è effettivamente un elemento di separazione tra interno ed esterno. Infine, gli interventi (eventualmente tra loro combinati, ad esempio isolamento più sostituzione impianto) devono permettere di migliorare di due classi energetiche le prestazioni dell’edificio, da verificare attraverso l’APE pre e post intervento.

Una circolare dell’Agenzia delle Entrate ha poi specificato che sono detraibili anche le spese accessorie per l’esecuzione degli interventi, che includono l’acquisto dei materiali, la progettazione ed eventuali spese per i perizie e sopralluoghi, purché i lavori vengano realizzati. Rientrano anche l’installazione di ponteggi e lo smaltimento di eventuali materiali rimossi per eseguire l’intervento.

Il Superbonus resterà in vigore fino al 31 dicembre 2021.

Detrazioni fiscali: Superbonus 110% ed Ecobonus